Di Adele Oriana Orlando

Francesco: «Non so come ringraziare tutti quelli che mi portano i tagliandi»

Commessi, le storie 26 nov 2020
Francesco Gallina del supermercato Santi ha già  moltissimi voti Francesco Gallina del supermercato Santi ha già moltissimi voti

Giovanissimo e carico di entusiasmo. Francesco Gallina, il commesso del supermercato Santi a San Michele Extra, ha iniziato da poco, con un po’ di ritardo rispetto agli altri partecipanti, la sua scalata verso il podio dell’iniziativa del nostro quotidiano che racconta e premia i commessi e le commesse ideali di Verona e provincia. Una partenza energica la sua, visto che è già al dodicesimo posto della classifica. Nato a Villafranca nel 1997, Francesco ha frequentato per un paio di anni l’istituto tecnico con indirizzo economico aziendale alla scuola secondaria di secondo grado, ma ha preferito il lavoro allo studio, rimboccandosi le maniche fin da giovanissimo. «A 18 anni ho lavorato in una fabbrica di confezionamento delle pesche, poi come stagionale alla Paluani, per poi fare un’esperienza di 3 anni al supermercato Martinelli – racconta Gallina- sei mesi fa mi sono spostato qui, al supermercato Santi di San Michele Extra, dove mi trovo davvero bene».

Francesco lo si può trovare tra le corsie a sistemare gli scaffali o in cassa, un luogo, quest’ultimo, che lui stesso ha confidato essere il suo preferito. Ma a San Michele Extra, Francesco, oltre al lavoro ha trovato l’amore, ma questo prima di iniziare al supermercato Santi, dove peraltro ha già conquistato molte persone. E a dirlo sono i tantissimi tagliandi che ha già portato in redazione e la spontaneità con la quale racconta del suo lavoro e dei suoi clienti, che apprezza e con i quali scambia ogni giorno qualche parola, una battuta e delle risate. «L’iniziativa la conosco dallo scorso anno – spiega il commesso - e quando ho saputo che sarebbe stata organizzata anche quest’anno ne ho parlato con la mia fidanzata Marianna che mi ha detto “Che bello, prova!” e con l’aiuto di mia suocera Cristina, delle sue amiche e dei clienti sia del suo chiosco di fiori, sia del supermercato ho iniziato a raccogliere i voti. Devo ringraziarli tutti per quello che stanno facendo per me». Un impegno, quello di chi lo sta aiutando verso la sua scalata verso il podio, certamente meritato. A lui rendere felici le persone piace davvero tanto e farlo attraverso il suo lavoro gli riesce bene. Tra i tanti ricordi che porta nel cuore di questi primi anni di lavoro ne ha raccontato uno in particolare, uno di quelli che rendono davvero orgogliose le persone del proprio operato.

«Una volta un signore ha ordinato una spesa importante al supermercato e l’ho preparata io , quando l’ha ritirata mi ha fatto i complimenti perché per lui era perfetta. Da quel momento chiede sempre di me quando deve fare l’ordine». Un grande orgoglio non solo per Francesco, ma anche per il suo titolare che a inizio maggio di quest’anno lo ha assunto e ha creduto in lui, nelle sue capacità. «Un capo è tutto in un posto di lavoro, il mio ci valorizza tanto, sono davvero contento di lavorare qui». L’amore verso il suo lavoro è grande, un po’ come quello verso la sua squadra del cuore, l’Hellas Verona, che è tra i protagonisti dei suoi sogni. «Ho due sogni nel cassetto – confida il giovane commesso, - aprire un negozio di frutta e verdura mio fra qualche anno e vivere di persona l’emozione di vedere il Verona vincere lo scudetto, così come lo vedo su Youtube. Sono abbonato in curva da quando avevo nove anni». • 

In collaborazione con